Ultimo aggiornamento
Gennaio 1, 2014
Condizioni d'uso
Libero utilizzo. Indicazione della fonte obbligatoria.

Descrizione

Le bandite federali di caccia sono state introdotte nel 1875 allo scopo di aumentare gli effettivi di camosci, cervi, caprioli e stambecchi (ungulati) all'epoca divenuti rari a causa della caccia e della concorrenza di altri animali. La situazione odierna è caratterizzata da popolazioni di ungulati numerose e in parte sature che provocano danni al territorio e la riduzione di specie sensibili come il gallo cedrone, la coturnice, la starna e la lepre. Il 1° aprile 1988 è entrata in vigore la legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici (LCP, 20 giugno 1986). Contestualmente è stata avviata la revisione dell'ordinanza sulle bandite federali del 1962. Queste disposizioni hanno oggi lo scopo di regolare gli effettivi di cervi, caprioli, camosci e stambecchi e di proteggere e promuovere le specie rare e i loro habitat. L'inventario comprende 42 oggetti che dal 1992 sono stati leggermente modificati.

Risorse

Informazioni aggiuntive

Identificatore
200a2d0e-afe1-45d8-aeaf-ea3621cc6afe@bundesamt-fur-umwelt-bafu
Data di rilascio
Gennaio 1, 1992
Data di modifica
Gennaio 1, 2014
Editori
Bundesamt für Umwelt
Punti di contatto
info@bafu.admin.ch
Lingue
Indipendente dalla lingua
Addizionali informazioni
Landing page
https://www.bafu.admin.ch/jagdbanngebiete
Copertura temporale
-
Intervallo di aggiornamento
Irregolarmente
Accesso ai metadati
API (JSON) Scarica XML

Avante domande?

Chiedi direttamente all'editore

info@bafu.admin.ch